venerdì 19 ottobre 2012

Canzone d'autunno

Singhiozzi lunghi
dei violini
     dell'autunno

mordono il cuore
con monotono
     languore.

Ecco ansimando
e smorto, quando
     suona l'ora,
io mi ricordo
gli antichi giorni
     e piango;

e me ne vado
nel vento ingrato
     che mi porta
di qua di là
come fa la
     foglia morta.

(Paul Verlaine)


Nessun commento:

Posta un commento